Lingua di Qua

Lingua di Qua

di redazione

marzo 2008

logo


Bene:
preghiera religiosa (da cui fare del B. – Le anime del purgatorio chiedono il bene).

Culaia: si dice quando il sereno volge al maltempo. In generale si dice <<Che fa culaia>>, quando una situazione precipita verso il peggio.

Diacere: sedersi; quì è forte il richiamo fonetico all’italiano “giacere”.

Furia: fretta.

Groppone: schiena (sia per persone che animali). Il richiamo è nella parola “groppa”.

Lampaneggiare: si dice quando i lampi illuminano il cielo annunciando un temporale.

Lappola: ciglia.

Miccino: con parsimonia.

Noce: malleolo, ma si dice anche di un cazzotto dato con le nocche << Ti dò una noce!>>.

Panciolle: stare in ozio.

Pilla: regione sottostante alle fontane atte a ricevere il liquido. Per taluni è anche la mangiatoia in pietra dove si rifocilla il maiale (detta anche trogolo).

Rientrino: si riferisce a persona che dopo sposata, ritorna a vivere con il coniuge in casa dei genitori o dei suoceri.

Rinvecchiato/a: scapolo attempato, persona di una certa età che non si è mai sposata. Per rafforzare il concetto si diceva anche: <<giovanotto rinvecchiato>>, o <<ragazza rinvecchiata>>.

Spera: sole, raggio luminoso; sta anche per specchio.

Tega: lisca del pesce. Invece avere << le teghe in testa>> oppure <<i capelli tegosi>> significa avere una folta e spessa capigliatura tendente alla piega liscia.

Uscio (o Usciolo): soglia di casa: ma può indicare anche la porta vera e propria, infatti <<chiudi l’uscio!>> significa chiudere la porta.

Viottolo: piccola strada sterrata che delimita un campo.

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it