Marco Baglio – Campione italiano stacco a terra

Marco Baglio – Campione italiano stacco a terra

di Marco Bagnoli

settembre 2017

Lo scorso ventiquattro febbraio il quarratino Marco Baglio si è laureato campione d’Italia con record nella specialità stacco da terra ai campionati italiani di Genova della Federazione Italiana Power Lifting; 202,5 kg a 57,3 kg di peso, nella categoria meno 59. Ci era già andato vicino nel 2016, con una preparazione molto promettente andata a monte all’ultimo minuto per una grave alterazione dei livelli epatici, che non gli aveva fatto ottenere l’indispensabile nulla osta medico; in quell’occasione i risultati del campione erano inferiori a quelli raggiunti da Marco in allenamento.

Davvero niente male tenendo conto che ha iniziato la disciplina soltanto nel 2014. E dire che tutto era partito da un po’ di mal di schiena. A suo tempo, dai cinque anni e mezzo ai diciannove, Marco si era dedicato al judo, per poi smettere con lo sport, facendo solo un po’ di palestra come tanti, giusto per mantenersi in forma, ma niente di più. Con l’insorgenza di questo mal di schiena e di un po’ di sciatalgia, si era prospettato di ricorrere al nuoto, senza che però il nuoto fosse esattamente nelle sue corde; fortuna vuole che la palestra Virgin di Prato mettesse a disposizione sia la piscina che la sala attrezzi, per lui più interessante.

Inizialmente Marco era ben deciso dal tenersi lontano da tutta una serie di esercizi particolarmente impegnativi, come ad esempio lo squat e il sollevamento pesi (quelli che poi troverà nel gruppo delle specialità agonistiche); poi al timore è subentrata la curiosità e piano piano vediamo che Marco inizia a impratichirsi in questi nuovi esercizi. È a questo punto che oltretutto si scopre pure portato e viene subito notato, sia da un altro ragazzo che si allenava con lui, sia da Emanuele Caratelli, personal trainer alla Virgin, nonché fondatore della Proviribus, una squadra affiliata alla FIPL. Emanuele gli propone di entrare a far parte del suo gruppo e soprattutto di iniziare ad allenarsi secondo il suo metodo, con la prospettiva di puntare all’agonismo sportivo.

Così il gioco cambia, perché uno sportivo che ambisce all’agonismo, deve per forza impegnarsi a fondo per ottenere quei risultati che, come abbiamo visto, non tardano ad arrivare. L’allenamento comprende le tre alzate delle gare, ossia: lo squat, la panca orizzontale e lo stacco da terra, in tutte le loro varianti, per stimolare nel modo più completo la muscolatura. Marco, che dal momento della vittoria non ha mai smesso di allenarsi, solleva adesso 210 chili, ed è sicuramente artefice dei propri risultati. Tuttavia un grande ringraziamento non smetterà mai di riconoscerlo al suo allenatore Emanuele, oggi un amico; un allenatore sicuramente innovativo sul piano tecnico, che sembra avere una marcia in più tutta segreta, dal momento che la sua squadra ha vinto gli ultimi cinque campionati nazionali di fila. Marco continua a lavorare nel mondo dello sport, come massaggiatore olistico sportivo per agonisti e non agonisti, sui quali lavora in fase pre e post attività, con massaggi decontratturanti, relax, senza mai perdere di vista l’aspetto complessivo, olistico della persona.

Il suo obiettivo è adesso il Campionato italiano 2018, attualmente in cerca di un palazzetto nel comprensorio Quarrata, Prato, Firenze, Pistoia. Marco si sente di consigliare questo sport, un’attività del tutto sicura se seguiti dalle persone giuste, perché nel frattempo quel dolorino alla schiena è sparito.

Social Network

facebook

 
Help & FAQ

Se ti occorre aiuto consulta le "domande frequenti (FAQ)"
Frequently Asked Questions (FAQ) »

Contatti

Telefono: + 0573.700063
Fax: + 0573.718216
Email: redazione@noidiqua.it